Italian English French Spanish 
Home > Coppe > Coppa Italia > Finale Coppa Italia, la Juventus ci crede più della Roma

Finale Coppa Italia, la Juventus ci crede più della Roma

Juventus Roma Coppa Italia

In una rocambolesca finale di Coppa Italia contro la Roma, la Juventus ha recuperato lo svantaggio fissato da Andressa su rigore, quando meno ce lo si aspettava. Dopo una prestazione solida e sicura delle ragazze di mister Spugna, l’ex Bonfantini ha scardinato la difesa giallorossa con uno dei suoi dribbling, ispirando così la rimonta e superando Di Guglielmo, espulsa dalla signora Ferrieri Caputi per una piccola spinta in area che ha negato il tiro, e quindi un’occasione chiara da gol, all’esterna bianconera.

Dal dischetto ovviamente Girelli non ha sbagliato, arrivando ai 20 gol stagionali con un tiro rasoterra preciso all’angolino. L’inferiorità numerica, la stanchezza per il caldo torrido al Mazza e lo shock per il pareggio subito ha mandato in blackout la Roma, che si è fatta dominare negli ultimi dieci minuti dalla Juventus, dopo aver fatto la partita per la maggior parte del tempo. Infatti le migliori occasioni le hanno avute solo le giallorosse, trascinate da Andressa, entrata in campo con il piglio giusto per una finale.

I suoi passaggi filtranti per Lázaro hanno smosso sin da subito la Juventus, che è stata inizialmente graziata dall’attacco della Roma. La spagnola si è mossa più volte molto bene alle spalle della difesa, trovando prima Serturini in solitudine in area e poi la conclusione. Peccato che l’assist non sia stato raccolto nel migliore dei modi dall’esterna, che ha frettolosamente tirato centralmente nella porta di Peyraud-Magnin, brava a neutralizzare anche il tiro della punta. Il portiere della Juventus ha rischiato anche di parare il rigore di Andressa, indovinando l’angolo destro e toccando il pallone con le unghie. Non abbastanza per evitare lo svantaggio

La squadra di Montemurro ha però trovato nuova linfa vitale con Bonfantini, molto attiva in entrambe le fasce, non accontentandosi del pareggio e dei supplementari, ma attaccando ancora di più e sfruttare il momento per raddoppiare con Gama. La respinta di Lind sulla fortissima conclusione di Grosso ha favorito la capitana bianconera, che con un sinistro al volo ha trovato la deviazione di Roman e quindi il gol del vantaggio, facendo esplodere la propria panchina, ammonita per l’esultanza poco pacata dall’arbitra.

La Roma ha tentato di reagire, cercando il 2-2 proprio con la stessa Roman, che di testa ha mandato la sfera a lato, nonostante non fosse pressata, consegnando in questo modo il terzo trionfo stagionale, e l’ultimo dell’era dilettantistica, alla Juventus. Si conclude quindi una stagione fantastica per le torinesi, pronte a ripetersi anche quando arriverà il professionismo.

Ti potrebbe piacere anche
Tris Verona
Tris di rinnovi per l’Hellas Verona
Marika Massimino
Marika Massimino saluta la Roma
Michela Giordano
Michela Giordano resta a Genova
Asia Sargenti, dalla Juventus al Chievo

LASCIA UN COMMENTO

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: