Italian English French Spanish 
Home > Campionati > Top 11 13°giornata Serie A Timvision

Top 11 13°giornata Serie A Timvision

Top 11

Formazione di giornata

(3-4-3)

Capelletti; Guagni, Orsi, Kristjánsdóttir; Bergamaschi, Cernoia, Dubcová, Boquete; Thomas, Clelland, Dellaperuta.

A disposizione: Baldi, Öhrström, Sønstevold, Gama, Haavi, Bonansea, Bonetti, Sabatino. 

 

Capelletti: il portiere empolese ha compiuto grandi parate, salvando diverse volte il risultato che poteva essere più ampio.

Guagni: la più pericolosa della squadra rossonera, una spina nel fianco sulla fascia destra. I suoi cross, dolci e morbidi, bucano la difesa blucerchiata confezionando due assist per le sue compagne.

Orsi: rocciosa in difesa, recupera un gran numero di palloni e segna anche un gol: la numero 20 neroverde disputa davvero un’ottima gara. 

Kristjánsdóttir: esordio stellare per il difensore islandese, che seppur non ha segnato nessun gol, ha compiuto due interventi chiave: uno su Labate nel primo tempo e uno a pochi minuti al termine su Visentin. 

Bergamaschi: il capitano rossonero anche oggi disputa una partita sontuosa, impreziosita da una rete.

Cernoia: è il suo mancino a riaprire una partita che sembrava prendere la via di Firenze. Non solo il gol, ma cross alla ricerca delle compagne, contrasti e falli subiti, fanno di lei una pedina imprescindibile per la Juventus.

Dubcová: è sempre pericolosa, tanto in termini offensivi quanto in fase di costruzione. Segna la rete del 3-0 in una partita senza storia.

Boquete: è la Boquete che siamo stati abituati a vedere all’estero e nel primo periodo milanista. Sulla trequarti juventina è un pericolo costante, cerca passaggi chiave e sfida a contrasto le portatrici di palla bianconere in uscita.

Thomas: una doppietta da urlo. La prima rete è da attaccante vero: senso della posizione e mente fredda a superare in lob l’estremo difensore della Sampdoria. Chiude la pratica in contropiede con un destro chirurgico che non lascia scampo a Tampieri. 

Clelland: sta tornando la Lana di un tempo. Mette a referto altre due reti e alterna giocate importanti ad assist efficaci, come quello fornito a Dubcová.

Dellaperuta: la statunitense, subentrata nel secondo tempo, è stata una delle trascinatrici della rimonta campana, con le sue giocate e con la sua rete che porta a casa i tre punti.

 

A disposizione:

Baldi: una piovra che para e respinge ogni conclusione delle sue ex compagne.

Öhrström: monumentale. La numero uno laziale ha sfoderato le sue armi migliori, mantenendo a galla le sue in almeno in due occasioni. Nel primo tempo impedisce a Marinelli il vantaggio usando la manona, mentre nella seconda si stende e devia cln il piede il possibile 2-1 di Bonetti.

Sønstevold: brava a coprire le avanzate laziali e a far ripartire l’Inter all’attacco.

Gama: l’autogol è frutto fortuito di un corretto anticipo su Sabatino, uno dei tanti provvidenziali della partita. In una difesa più disordinata del solito, mette una pezza a molte incursioni pericolosi alla coppia d’attacco viola.

Haavi: regala la vittoria alle sue compagne e serve cross per tutta la gara.

Bonansea: in un primo tempo grigio delle bianconere, la numero 11 è la più dinamica sia in in attacco che in centrocampo e si fa carico di buoni contrasti, utili al recupero palla. Nella seconda frazione la sua spinta è maggiormente offensiva.

Bonetti: senz’alcun dubbio MVP del match, non solo per la doppietta che regalato la vittoria all’Inter. L’attaccante nerazzurra è stata una delle più pericolose delle sue, con strappi in velocità, dribbling di classe e conclusioni velenosissime.

Sabatino: grazie al suo pressing, spinge la difesa delle bianconere a sbagliare, specialmente in occasione dello 0-1 viola, sull’errore commesso da Aprile. Nel secondo gol invece ci mette la zampata, viene assegnato autogol, ma c’è sempre lei a propiziarlo.

Ti potrebbe piacere anche
Norma Cinotti
Norma Cinotti verso la Roma
Martina Lenzini
Infortunio per Martina Lenzini, le condizioni
Laia Codina
Laia Codina saluta il Milan
Empoli
L’Empoli Femminile cede il titolo sportivo al Parma. I tifosi: “Brutta pagina della nostra storia”

LASCIA UN COMMENTO

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: